Tita Gobetti - Mirror Coach

Brinda con la cicuta.

-mirror-coach-tisana-socrate-yoda-domperignon Salute  Specchio, come gira il vento dello Spirito? Dove poso la tazza?

Per mille tisane, Socrate che piacere! Molla l' intruglio malefico…Cicuta vero? Ti offro invece un the freddo al ribes o alla pesca…con questo caldo è una goduria…ed entra: la tua visita mi onora.                                                                                                                                                        
-Ho perduto il mio Daimon,  Specchio….hai idea di dove possa essersi dileguato?

Se me lo descrivi,  credo invero di poterti aiutare: che fattezze ha  il tuo Daimon?                                
-E' ineffabile e cangiante..ombroso e lucente …ciarliero e silente.. divino e demoniaco…forse dovrei cercarlo alla valletta dell' Acqua Pazza  o all' Acqua Savia del mio amico Gabriele, al Vittoriale,  presso  la fontana muta nel parco…Lo chiederò ad Ariel, lo  Spirito Guida  del Vate….magari  i due  bricconcelli  se ne stanno entrambi a Salò,  ad alitare brezze sul lago, tra le vele.

La tua descrizione  mi è di scarso ausilio.  Maestro: perché proprio il lago di Garda? E' lì che ti trovavi a villeggiare quando hai perso il tuo Daimon?                                                                                                                                                                                                                    
-Non so perché. E' una voce che mi ispira a credere questo…e io non villeggio  mai..…non è mio costume!

Perché mai non ti concedi ozio e vacanze?                                                                                                                                                                              
-Usi un linguaggio da schiavo, Specchio: i vacanzieri sono gli umani che spengono  le loro giornate solo per la mercede del denaro, senza passione….come meretrici…e poi si intruppano una settimana  come greggi verso una spiaggia,  dove si ammucchiano,  addormentando   anche la loro  ultima sinapsi cerebrale.

Non sei avaro di  schiettezza! Mi  dicevi:  "una voce?!" ..che il  demonietto  non si sia ancor più nascosto fra le pieghe della tua mente? Osserva con  più attenzione.                                                                                                                                                                                         
-Dici il vero Specchio! Eccolo!..esci di lì,  Spiritello dei miei coturni! Vieni che ti rivelo allo Specchio!...no…ha timore…lo lascio quieto fra i pensieri e  che se ne esca quando crede..

Una domanda Maestro: io so di non sapere e so che questo è l' unico modo per apprendere…dimmi: "come posso conoscere me stesso?"                                                                                                                                                                                                                                             
- Abbi il coraggio di bevi l' amaro del tuo veleno fino all' ultima goccia.....comportati come se  la cicuta fosse  Dom  Perignon… finchè non lo diviene.

Ma come posso crederci  Maestro??                                                                                                                                                                                         
-  Perciò  fallite….chiedi conferma  al mio collega Yoda.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

© Tita Gobetti | Tel 030 2523635 | Mappa del sito | Privacy | Realizzato da jointhebiz

You are here Per lui Brinda con la cicuta.