Tita Gobetti - Mirror Coach

FRATELLO DENARO, SORELLA RICCHEZZA


mirror-coach-francesco-lupo-predicatoriChe bal sajo! Hai anche il cilicio fratello? E com'è che non hai nodi alla cintura? Da dove vieni?
-" Frate Specchio, non mi riconosci? Vengo da lontano, dalla tua infanzia, quando da bambina impersonavi sorella Acqua nel mio Cantico in volgare a scuola (mica in chiesa, perché era un posto che frequentavi poco)… E non ho nodi alla corda,  perché non è più Tempo. "
Francesco!! Cavolo,  cosa ci fai qui? Che onore! Sono in tribolazione, lo sapevi? Alti e bassi della Vita!
-"Lo so. Vuoi che non lo sappia? Quali lupi  interiori  vuoi ammansire?"
A dirla tutta addestrare le persone ad  accogliere la felicità è il compito  più difficile in cui sono incappato. Anzi, me lo sono cercato, scusa. Mi capitano sventurati che si lamentano del mondo e della loro povertà e non sono disposti a muovere un solo passo per uscirne: io sono uno Specchio e loro riflettono solo pezzettini di me stesso che io abbraccio per guarire insieme.  Quelli che però più mi attizzano sono i falsi profeti: sembrano pecore isteriche!
-"Caro il mio Specchio,hai scordato che il mondo è la tua ombra? Agisci su te stesso! Non te ne puoi andare per il web con l' intenzione di salvare la gente! La gente detesta i salvatori. Inoltre  se  esistono pericolo e problemi, esistono soluzioni.  Sai bene che i Messia sono poveri Cristi che non incontrano mai l'approvazione delle folle: Oggi cori di Alleluja  e Domani ti ritrovi  crocifisso. Pochi sono i chiamati a svegliarsi per prendere nota delle proprie miserie al fine di superarle. Molto meglio lanciare vituperi ai vari Cesari di turno, a un Dio negligente…..ma  prendersi la responsabilità dei propri demoni interiori e esorcizzarli, crescere, apprendere, agire e sbagliare, sbagliare, e cambiare .. è un altro paio di cilici. Mai illuminare le  rovine: meglio fare come Pilato! E  piantala di andare in cerca di vittime per giocare al salvatore. Stai attento che ti frantumano il cristallo! Cosa hai contro i nuovi predicatori?"
Mi imbarazza un po' parlarne con te che avevi i nodi di Castità, Povertà e Obbedienza!
- "Se hai adagiato la tua attenzione su di me hai notato che il sajo odierno ha le pinces e non gradisco più legami. Ti disturba?"
Manco per niente! Quello che osservo è una masnada di crociati spirituali che parla alla gente di come sia nobile prestare la propria opera di aiuto  senza mercede, gratis et amoris dei, senza tangere  il vilissimo denaro, i dindini, gli euro. Cosa ha mai il denaro, l' abbondanza, di lercio, secondo queste persone che predicano l' amore universale?
- "Non so. Glielo hai chiesto? Hai chiesto loro se avevano sporcizia nel portafogli da buttare,sottoforma di contante, così potevi raccoglierla tu e magari farci qualcosa di gioioso per te? Hai domandato se erano soddisfatti di quanto percepivano per la loro prestazioni? Sono sicuro che ti avrebbero risposto che ritenevano di meritare un aumento di entrate e una diminuzione delle gabelle. Quando mostri loro l' incoerenza che li abita,  la gratitudine non sarà la primaria emozione che ti paleseranno. La povertà non ha mai aiutato nessuno tranne nel momento in cui Scegli Di Nuovo chi vuoi Essere. Perchè ti  occupi di loro?  Ogni casta ha i suoi Mentori! Chi  non è  disponibile  a ricevere,  è senza dubbio perché non crede  di esserne degno. Lascia che predichino agli accoliti che li meritano e tu rivolgiti verso altre figure. "
Già. Accontentarsi della piccolezza è un sussurro del demonio, non è un' esigenza divina. Dio ci vuole felici, in grado di moltiplicare i "nostri pani e i nostri pesci" , condividendoli. Grazie Francesco. Di recente, anziché prestare aiuto lo ricevo.
- "Fratello Specchio, se non hai l' umiltà di accettare più chiarezza non saprai di poterla offrire. L' umiltà però non è "piccolezza". Credere di essere diverso da ciò che Dio ha creato, QUESTA  è arroganza. Riuscirai ad ammansire il tuo lupo interiore, vedrai! Chiunque può farlo: apri il tuo Cuore e lascia che chi si specchia in te veda la sua Luce, la sua Via. Il tuo compito è mostrarla. Quando sentirai la TUA ricchezza,  attrarrai solo chi cerca veramente la propria. Non più  greggi deliranti. Forse non hai voluto ricordare di donarti frequentemente   la Preghiera di Gratitudine  del mio Cantico: Laudato sii mii Signore, per tutte le tue creature …."
E' vero! Mi vergogno di questo.
-"Che tu ti giudichi e ti  vergogni di te stesso non è volontà del tuo Creatore. Dio ti ama. Tu un poco meno. Allenati!"

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

© Tita Gobetti | Tel 030 2523635 | Mappa del sito | Privacy | Realizzato da jointhebiz

You are here Per lui FRATELLO DENARO, SORELLA RICCHEZZA